martedì 24 giugno 2008

Cairns + Cape Tribulation

AVVERTENZA: Preparatevi ad un sacco (e quando dico un sacco intendo tante!!!:-D) di foto!!!

Dopo ben 4 giorni di lavoro la stanchezza e la voglia di partire per fare la sorpresa ai 3 QDF (Cry, Dani e Vito), mi hanno spinto a chiedere una settimana di "meritate" ferie al mio datore di lavoro!:-D
Voi vi chiederete con quale faccia sia andato a chiedere una settimana di ferie dopo solo 4 giorni che avevo iniziato a lavorare lasciando nella me**a più totale Roberto, visto che ancora non aveva trovato un pizzaiolo che mi sostituisse..Semplice! Gli avevo detto, in precedenza, che andavo a trovare un fantomatico zio a Brisbane visto che il volo l’avevo prenotato già da qualche mese.. :-P
Il mercoledì (21) ancora non stanco dalle 24 ore di volo fatte 21 giorni prima, siamo partiti (io e Barbara) con un bel 737 della Virgin Blue alla volta di Cairns all’estremo nord dell’Australia (quasi 3 ore di volo! ).

Non so se vi ricordate, ma i 3 non sapevano niente del mio arrivo visto che gli avevo detto che non potevo venire per via del fatto che ero appena arrivato, che dovessi cercare una casa e un lavoro etc etc.. Ma alla fine me ne sono strafregato e ho seguito il mio istinto che mi diceva di andarmi a divertire un po’ al nord e così ho fatto!;-)
Grazie all’aiuto di Barbara, i 3 erano convinti che non andassi anche perchè la “truffatrice” svizzera li aveva avvisati che veniva con lei un suo fantomatico amico tedesco di nome Kevin per far sì cmq che la Cry “tour operator” organizzasse la settimana tenendo in considerazione della quarta persona (per le varie prenotazioni e cose del genere..)
Peccato che all’arrivo si sono trovati davanti quel matto del Bent invece di un alto, biondo teutonico!:-)

Con la loro nuova (solo perché appena acquistata, visto che ha la bellezza di 314000 km ed è 1990!) e fiammante Holden commodore,

siamo andati all’ostello (il Gilligans per la precisione dove oltre ad essere molto grande e pulito, ha anche una discoteca!) per cenare e avere un po’ di aggiornamenti dei mesi appena trascorsi dai 3!
Il giorno dopo inizia per me la vacanza perché con Cry, Dani e Riccardo, che abbiamo ritrovato a Cairns (Vito e Barbara hanno preferito fare altro), siamo andati a fare snorkeling (praticamente ti danno pinne, maschera e boccaglio per vedere la barriera corallina) a largo della costa di Cairns.

All’inizio pensavo che lo snorkeling fosse una cazzata rispetto allo scubadiving (immersione con la bombola) visto che, con quella maschera e boccaglio, sembravo fossi tornato bambino.
Tuttavia se invece di fare snorkeling a Cetraro piuttosto che a Rimini ;-), lo fai sulla Great Bareer Reef che è tra le più grandi al mondo a più di 16000 km dal tuo paese, allora tutto ciò acquista un senso...
Infatti ad un certo punto mi sono fermato e mi sono guardato in giro vedendo solo oceano e oceano per rendermi conto di cosa stessi facendo in quell’istante: snorkeling sulla barriera corallina in Australia...E quando mi ricapita più nella vita?!?!?(spero nei prossimi mesi quando proverò le immersioni!;-)
Guardare per credere..

Questo e' un black boxfish

bluespot butterfly fish

Dedicato alla mia nipotina Marta: il pesce pagliaccio (clown anemonefish) o comunemente conosciuto con il nome di Nemo per via del cartone della disney!

coral trout

diagonal banded sweetlips

Queste sono le foto di alcuni pesci che ho potuto ammirare..
Ovviamente le foto dei pesci non le ho scattate io, ma sono quelle che regalano quando ho acquistato per “soli” 15$ (fo***ti ladri!) questa foto

che mi sono fatto fare dalla fotografa subacquea del tour, a circa 3 metri di profondità quando sono sceso per toccare questa conchiglia (la più grande che ho visto in quel giorno!), che appena la sfiori si chiude come un riccio!
Tra snorkeling, un po’ di sole e di chiacchiere, la giornata è trascorsa piacevolmente anche perché dopo siamo andati a fare un giro per Cairns anche se non è nulla di eccezionale!

Se al posto del mare vedete una palude secca e piena di fango (non e' stagione delle pioggie) , beh non vi state sbagliando...
Oltrettutto a Cairns per via delle acque pericolose e infestate da coccodrilli (come potete leggere dal cartello),

box jellyfish, sharks e altri simpatici animaletti, il bagno lo si puo' fare soltanto nella piscina (che quando sono andato io era chiusa per lavori di ristrutturazione...Che culo!:-S), che riproduce un pezzo di mare con la spiaggia fatta di sabbia.
Wow che bello!! Sono al mare e vado in piscina...Australiani del ca**o!!!;-)
Il giorno dopo lasciamo l’ostello e Cairns per andare alla volta di Port Douglas che è un’altra cittadina turistica più a nord che non mi ha detto nulla visto che ci sono solo villaggi turistici e case per gente non certo povera. L’intento era quello di stare per una notte per poi ripartire alla volta di Cape Tribulation (dopo scoprirete cos’è ;-), ma ovviamente i piani QDF iniziano in un modo e finiscono in un altro completamente diverso!:-D
Infatti causa pioggia e indecisioni varie, siamo ritornati di nuovo a Cairns.
Almeno però la strada panoramica tra Cairns e Port Douglas, con il suo paesaggio, hanno reso meno pesante la giornata..

Il capitano Cook che domina la Cook Highway...Austostrada che poi diventa strada per poi diventare stradina, mulattiera e sentiero di montagna :-), che collega Cairns fino a quasi Cape Tribulation!

Oltre allo splendido paesaggio sullo sfondo, se vedete un uomo a terra, beh quello e' Vito che per far si che l'autoscatto lo riprendesse, e' andato molto piu' veloce di quello che le sue gambe potessero permettergli..In pratica e' caduto col culo per terra!!!:-D

Il giorno dopo la Cry tour operator aveva (su suggerimento di un a dir poco pittoresco cameriere di Ferrara conosciuto la sera prima in pizzeria) “democraticamente”deciso di andare prima alle Crystal Falls, che sono delle “cascate” vicino a Cairns (per gli amici di Bisignano, in confronto la centrale elettrica sul fiume Mucone risulta essere più interessante:-),

Ed eccole li': le "grandissime" Cristian Falls.. Sti cazzi!!!=)

Dopo e' toccato il turno di Kuranda, vilaggio turistico famoso per il mercatino di oggettistica locale tutta dedicata ai village people (termine coniato per indicare i villeggianti o i normali turisti!)

Qui e' dove parte il treno panoramico che fa un giro per le montagne di Kuranda, passando anche vicino alle Barron falls!

Me in versione crocodyle dundee in un negozietto che vendeva "souvenir" fatti con la pelle dei coccodrilli...Anche i muri erano in pelle di coccodrillo!!!:-S

E infine alle Barron falls, cascate che, anche se a secco d’acqua perché la stagione delle piogge è finita da un pezzo, sono degne del nome che portano..

Tra qualche foto stupida e qualche birra,

anche quella giornata volgeva al termine non senza andare alla discoteca del Gilligans dove di buono c’era soltanto il prezzo (5$ e li valeva tutti), perché anche se il locale era bello e molto grande, di pessimo c’era la gente, la musica e soprattutto i cocktail!!
Di quella sera mi è rimasto impresso un simpatico episodio successo a Vito (chiedete a lui o a Barbara per sapere cosa ;-) e un DJ australiano che la notte prima oltre ad aver rubato il letto di Vito e stato per una notte (lo pensavamo noi!) compagno di stanza, ce lo ritroviamo di nuovo in camera riprendendosi, ovviamente, il letto che aveva riconquistato Vito marcando il territorio con la sua roba!
Finalmente il giorno dopo siamo partiti alla volta della tanta attesa e “tribolata” Cape Tribulation.
Nessun nome può essere più azzeccato per indicare questo posto…
Tribolato per noi (dovevamo partire 2 giorni prima!) e tribolato per il capitano Cook che proprio lì si incagliò con la sua nave, dando appunto quel nome…

Guardate che strade!!!

e anche le spiagge non sono certo accoglienti....:-S

Questo posto è famoso perché è l’unico posto al mondo dove la foresta pluviale incontra l’oceano..

Gli ho rotto talmente le scatole che si e' girato ed era inca***to nero!!!;-)

Qui io e Dani abbiamo fatto gli archeologi portando alla luce la "corazza" (se possiamo definirla cosi') di una specie di aragosta trovata sulla spiaggia!

Lo spettacolo che questo posto sperduto, desolato e lontano dal mondo civilizzato offre, può colpire soltanto a chi rimane affascinato dalla natura e dalle cose semplici al limite dell’improvvisazione, lasciando però indifferente chi invece preferisce le comodità di posti un po’ più civilizzati..
Un esempio lampante è stato l’ostello in cui abbiamo alloggiato: il crocodylus village

dove la corrente era razionalizzata (dalle 11.30 di sera Benjamin Franklin ci abbandonava!), i cellulari non prendevano e c’era così tanta umidità (ovvio siamo nella foresta pluviale!) che le lenzuola e i vestiti erano sempre bagnati!!
Completamente immerso nella foresta, questo ostello era composto da bungalow tendoni che ci proteggevano dalla pioggia incessante che abbiamo beccato in quei giorni (a detta di un tipo dell’ostello, quella pioggia era niente rispetto a quella che si becca durante la stagione delle piogge!) e dai numerosi animali presenti nella foresta, tra cui insetti vari e soprattutto questo “simpatico” animale:

che in italiano viene indicato con il nome di casuario, ma leggermente modificato da noi in cossovaro!!!:-D

"La femmina del casuario, dopo l'accoppiamento e la deposizione delle uova, è solita tradire il compagno." (fonte wikipedia!) :-D

Sembra carino ma vi consiglio di non incontrarlo quando ha i pulcini, perché potrebbe diventare pericoloso (e secondo me lo è visto che durante la notte sentivamo strani rumori nella foresta..Di sicuro dovevano essere lotte tra il cossovaro maschio e sua moglie per via dei tradimenti!!!:-D

Tutta la strada che porta fino a Cape Tribulation e oltre, era piena di cartelli sul prestare attenzione all'eventuale passaggio di cossovari, ma questo e' di gran lunga il piu' simpatico che abbia incontrato!=)

Tra giri nella foresta per cercare coccodrilli e cossovari, partite a monopoli per ammazzare il tempo, il soggiorno di 2 giorni ce lo ricorderemo soprattutto per aver festeggiato il "quarto di secolo" =) della Cry in mezzo alla foresta pluviale (io e Barbara eravamo lì soprattutto per quello!): Cry niente UGG per te, ma credo che il nostro regalo sia stato altrettanto bello!;-)
Sulla via di ritorno verso Cairns però le emozioni non sono mancate…
Dopo aver attraversato il Dantree river (fiume infestato da coccodrilli) con una chiatta che rappresenta l’unico mezzo di trasporto per raggiungere Cape Tribulation,

siamo andati a fare il tour sul medesimo fiume appunto per vedere se qualche coccodrillo ci avesse degnato della sua presenza..

Il primo che vediamo è questo qui:

era immobile che si riscaldava con i raggi solari..Si lo so che i coccodrilli quando stanno fuori dall’acqua non fanno le maratone, ma vedendolo messo in posa lì, fermo come se stesse aspettando che noi passassimo con la barca (il tour era iniziato da 5 minuti!), mi aveva fatto sorgere il sospetto che fosse una copia messa lì per far si che i villeggianti come noi rimanessero a bocca aperta per lo spettacolo offerto..Oltretutto il mio scetticismo aumentava minuto dopo minuto visto che per una buona mezz’ora abbiamo visto solo mangrovie..

Poi però mi sono ricreduto:

Soddisfatto dal tour che me lo ricorderò anche per le “strane” letture del capitano che comandava la barchetta (soprannominato Jack Sparrow il segaiolo!:-),

siamo partiti alla volta di Mossman e delle sue famose gole..

Posto meraviglioso immerso nella foresta dove è presente una camminata che ti permette di attraversare il fitto bosco che circonda le gole stesse..

Lì abbiamo anche fatto un piccolo “bagnetto” nel fiume visto che l’acqua e il paesaggio attorno facevano da perfetto sfondo per un esperienza di quel tipo.

Essere li' in mezzo alla natura, facendo il bagno in un fiume quasi incontaminato con nessun divieto o cose del genere, e' stato fantastico!!
Secondo me sono questo genere di cose che ti fanno sentire davvero libero…

Quel giorno me lo ricorderò anche perché arrivando a Mossman siamo rimasti a secco di benzina (l’indicatore della macchina non funziona!).Il nostro angelo custode doveva essere al nostro fianco visto che se proprio dovevamo rimanere senza benzina, l’abbiamo fatto giusto a Mossman e non in mezzo a quel nulla che divide Mossman stesso da Cape Tribulation! :-S

Ecco il nulla di cui vi dicevo!

Prima di salutare i 3 mates che si accingevano a partire alla volta del South Australia sia per cercare lavoro, sia per immatricolare la macchina (per sapere di più leggete i loro blog!;-), non e' potuta mancare la tipica giornata al mare (e precisamente Trinity Beach)

e il tradizionalissimo e Australianissimo BBQ (abbreviazione di barbeque!)

Ragazzi che mangiata!!Addiritttura sono rimaste delle salsicce che volevo portare a Sydney nel bagaglio a mano: immaginate se ai controlli la tipa mi avesse fermato per contrabbando illegale di salsicce!!
Ovviamente le menti malate che hanno partorito una cosa di questo tipo sono state la mia e quella di Vito..:-D
Visto che questa settimana di meritate ferie è accaduta quasi un mese fa, dai prossimi post ripristinerò il continuum spazio tempo (per chi ha visto ritorno al futuro sa di cosa sto parlando!:-): praticamente i prossimi post descriveranno cose accadute al massimo una settimana prima e non 1 mese prima come successo fino adesso….Fidatevi!! ;-)
Alle prossime puntate, senza non prima mandare un grosso good luck ai 3 mates che dopo peripezie varie, sono finalmente riusciti a raggiungere la loro meta provvisoria senza problemi..
Grandi ragazzi continuate così e in qualsiasi momento se dovesse capitare qualcosa ricordatevi sempre: "no woooorries Mates…".Ma andate affanc**o australiani del c***o!!! !=)

See ya!!!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

grande bent....no problem per quanto riguarda la soluzione di continuità dei tuoi post....io personalmente li leggo e basta senza fare troppe riflessioni...cmq stavolta bel post e belle foto...
ciao
tlx piro

Iole ha detto...

mi sono emozionata a vedervi insieme..

Bent! ha detto...

X Tommy

oh finalmente qualcuno che capisce...:-D
Grazie Tommy per la sincerita'..
Continua a leggere perche' tra qualche giorno ci saranno grosse novita'!;-)

X Nonna

Hai visto che i tuoi "nipotini" si sono ritrovati nella grande Australia???;-)

horsett ha detto...

G'day e buon lavoro dopo questi giorni di ... meritate ferie !!!
Bellissimo post come al solito, vivace e molto spontaneo = D

QDFstaff ha detto...

Sicuri di averlo letto tutto??!! =P Noi di solito guardiamo solo le figure... =))

Roberta ha detto...

che bello vedervi insieme!!!!un bacione a tutti!!!
roberta